Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Il Re Barzelletta
Scritto da pgd
Categoria: Poesia - Altro
Scritto il 12/10/2013, Pubblicato il 12/10/2013, Ultima modifica il 12/10/2013
Codice testo: 12102013103137 | Letto 366 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

Il Re Barzelletta lucrava sulle tasse
facendole pagare solo alle masse,
lui evadeva paese a paese
gonfiando a dismisura
la nota delle sue spese.

La Legge lo condannò
per evasione,
ma non l’imprigionò
data l’età, sarebbe stata dura.

In tutta fretta
cortigiani, ballerine
e servi nani
e chi in lui credeva
in buona fede
rullarono il tamburo:
“La sua innocenza è pura,
può andare in giro nuda”.

Chiese un bambino
alla sua mamma:
“Voglio sapere,
se in un paese
dove c’è un Re
che ruba soldi,
non solo a chi
con la Legge
lo condanna,
ma anche a chi
non solo scusa
il suo rubare
ed anzi lo sostiene,
è normale
che chi fa del male
mantenga il potere^
A ben vedere
tutti i nati
in quel paese
sono stati derubati”.

“Bambino mio
cosa vuoi mai,
in un paese
dove il derubato
difende il ladro,
è tutto vano, e ridi amaro”.


1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it