Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


A te piccola donna:la sicurezza
Scritto da lucenera
Categoria: Epistolare
Scritto il 12/06/2018, Pubblicato il 12/06/2018 18.34.21, Ultima modifica il 12/06/2018 18.42.53
Codice testo: 1262018183421 | Letto 153 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

1/1

Oggi ho pensato tanto a te. Sarà che in questi giorni sto vedendo tante belle bimbe e quindi mi è venuto spontaneo. O perché sono molto agitata e solo il pensare a te ed alla tua esistenza e ciò mi tranquillizza e mi rende felice. Una delle cose che vorrei evitarti piccola mia è il sentirti fuori luogo in determinate situazioni.
Vorrei darti tutta la sicurezza del mondo. Te l’ho già detto la sicurezza è tutto.
Ed oggi mi trovo qui a pensare come far sì che tu, bionda o mora, con occhi grandi o piccoli, con labbra più o meno sottili, che ti piaccia leggere i classici oppure no, che ti piaccia la matematica oppure no, con qualche chiletto in più oppure no, ti senta sempre sicura di te e mai un pesce fuor d’acqua.
Partiamo dal discorso più “intellettuale”. Vorrei fare in modo di darti più stimoli possibili per poi capire quali sono realmente i tuoi interessi ed aiutarti a svilupparli oltre a farti comprendere che non ci sono interessi di serie A e quelli di serie B. Come già ti ho detto se tu vorrai fare la cuoca o l’avvocato per me l’importante è che ti realizzi in ciò che ti rende felice e che tu faccia tutto con la massima serietà.
Altrettanto importante per renderti più sicura da un punto di vista “intellettuale” è che i tuoi interessi siano più di uno e non solo focalizzati sul quello che farai. Prendendo gli esempi di prima,non è detto che un cuoco non possa leggere Dumas o Proust o l’Allende o che non possa interessarsi alla storia o alla filosofia così come non è detto che un avvocato o un ingegnere non possano avere una passione sfrenata per la pasticceria e le torte e le decorazioni. E non è detto che una cuoca che si mette con un ingegnere,nel momento in cui si trova con i colleghi del proprio compagno,non possa parlare con loro di attualità o di filmografia o di musica. Tutto può renderti più sicura indipendentemente dal titolo di studio che avrai.
Ora passiamo alla questione prettamente fisica.
Te l’ho detto io sotto quel punto di vista mi sono sempre fatta fuori da sola perché mi sentivo brutta rispetto alle mie amiche e quindi mi mettevo ad un angolo e lasciavo loro il campo.
Dovrò insegnarti a non fare questo.
Ti ho già detto che probabilmente non ero la più bella oggettivamente ma neppure ero proprio la più cozza. L’errore è stato quello di sforzarmi di coprire tutti i difetti che pensavo di avere perché li vedevo così giganti e di non andare a valorizzare ciò che di bello avevo e proprio non riuscivo a vedere.
Se sarai come me magari avrai qualche chiletto in più.Ma non voglio che tu sia come me che mi mettevo nella categoria obesa perchè probabilmente somigliandomi avrai un bel seno e non avrai una parte bassa così male.
Così a differenza mia ti dirò di indossare un qualcosa che metta in risalto il tuo seno anche se farà vedere un po’ il chiletto in più sulla pancia. E di indossare qualche vestitino in più e non fare come me che non li ho indossati fino ai 30 anni perché tua nonna diceva che i vestiti stavano bene a chi aveva un determinato fisico. Dovrai osare più di quanto abbia fatto io certo sempre senza superare il confine tra l’osare ed il volgare però.
Se somiglierai a me probabilmente avrai un visetto piacevole ed una bella bocca. Ecco su quella potresti puntare mettendola sempre in evidenza.
Se avrai la fortuna di riprendere gli occhi del tuo papà lì basterà imparare a truccarli bene con un po’ di matita e di mascara ed il gioco sarà fatto.
Ed allora piccola mia con questi piccoli accorgimenti potrai sentirti più bella e sicura.
Ora però piccola parentesi che non c’entra nulla. Oggi è uno di quei giorni in cui vorrei averti qui con me per guardarti muovere i primi passi, oppure disegnare, oppure, pensandoti un po’ più grande, mentre guardiamo insieme le tre parti del Padrino mangiando una pizza ed il gelato dopo una settimana in cui entrambi abbiamo fatto il nostro dovere.
Sì oggi è proprio uno di quei giorni in cui vorrei essere tanto madre.
E nella prossima lettera probabilmente ti parlerò proprio del ruolo di genitore.

1/1



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it