Tutti i testi  |  Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Train of love
Scritto da ANDREA OCCHI
Categoria altro, genere
Scritto il 31/12/2017, pubblicato il 31/12/2017, ultima modifica il 02/01/2018
Letto 63 volte

Commenti (2) Riconoscimenti Condividi Altri testi di ANDREA OCCHI Codice testo: 31122017102353
  Attendere caricamento dei dati... (reload in caso di blocco)

Nota dell'autore: Train of love

1/1

Non so se accada anche a voi, ma ogni volta che intraprendo un viaggio sentimentale, un omone sconosciuto si intromette chiedendomi di mostrargli il titolo.
Io lo guardo con occhi sgranati, come uno studente avanti la commissione d'esame.
"Prego?"
"Il titolo di viaggio, me lo mostra?"
La mia espressione attonita permane.
"Il biglietto! Non vorrà , mica, viaggiare a sbafo. Se no dovrei sanzionarla".
E dire che sono laureato in giurisprudenza e pure avvocato.
Infilo la mano destra all'interno della giacca e, non senza difficoltà, tra una costola e l'altra estraggo il titolo.
"A lei" - dico porgendolo.
"Ah! Ma lo sa che non c'è quasi più spazio per obliterare, per attestare la regolarità del viaggio? Ma lei ogni volta che sale sul treno dell'amore dona il suo cuore? Anche per un brevissimo tratto...della durata di un amplesso?"
"Certamente! Sono un passeggero onesto, anche se...mi scusi il gioco di parole...di passaggio".
"Lo sa, vero, che non sono previsti rimborsi, né sono ammessi reclami. Il titolo è unico, non cedibile né duplicabile".
"La ringrazio per la premura, ma non amo viaggiare a sbafo. Pagherò il debito, ma non salderò il mio cuore. I buchi saranno ricordi anche dolorosi, ma in quei buchi ci sono io, il mio viaggio. Se mancherà spazio colmerò alcuni buchi non più così rilevanti trasponendoli per iscritto. Poi li eliminerò. Perdoni, nuovamente, il gioco di parole. Farò il bucato".
Sorridendo mi dice con espressione divertita: "Buon proseguimento, signore. Lei è strano, sa? Conservi il suo cuore perché pochi lo usano come lei. Elimini l'inutile. Perdoni il gioco di parole, ma il titolo è "Train" e non "Chain". La catena impedisce il movimento. Al prossimo viaggio".
"Grazie. Buona giornata".
Ripongo il cuore tra le costole, consapevole della veridicità delle parole dell'omone.
Accendo la memoria, le scrivo una lettera e, dopo averla letta, la elimino. Un buco aprrto anni prima, si richiude. Una maglia salta. Il treno parte.


1/1



Menu

Home Page
Iscriviti gratis
Iscriviti alla newsletter
Scrivi il tuo testo
I testi segnalati
Richieste di commento
Archivio articoli e notizie
Forum
Cerca


Pubblicità





Su di noi
- Chi siamo
- Il nostro progetto
-
Termini e condizioni di utilizzo
- Pubblicità
-
Riconoscimenti

Strumenti
- Collabora con Alidicarta.it
- Feed RSS dei testi di Alidicarta.it
- Bottone Alidicarta.it per la Google Bar
- Alidicarta.it su Facebook
- Press kit
Help
- Contatta lo staff
- Regolamento
- Copyright

© 2001-2018   - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore - Vietata la riproduzione - PI:02102630205
Link esterni:
idee regalo | www.codicesconto.com | | Hosting www.dominiando.it