Cari autori, stiamo riscontrando problemi con l'invio delle email dal sito. Al momento sono quindi sospesi gli invii email delle notifiche di commenti e testi. Nel caso non riceviate l'email di conferma di iscrizione, potete scrivere a staff@alidicarta.it per la conferma manuale.




Ultimi pubblicati  |  Ultimi modificati  | Cerca un testo | Archivio degli autori  | Ricevi il feed dei testi di Alidicarta.it  Feed Rss dei testiRegistrati come autore!

Il twitter degli autori

Caricamento twitter... (reload in caso di blocco)
Fai il login per twittare
mostra/nascondi twitter degli autori


Il tuo viso...
Scritto da Mary850
Categoria: Poesia
Scritto il 08/02/2018, Pubblicato il 08/02/2018, Ultima modifica il 08/02/2018
Codice testo: 82201815166 | Letto 153 volte

Attendere caricamento dei dati...(reload in caso di blocco)

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente


Il tuo viso son qui ad osservare,
che allo specchio sei impegnata a truccare,
il tuo neo disegnato a matita,
I tuoi capelli lunghi fino alla vita,
donna più bella non è mai esistita.
Dio ti ha dato tanta bellezza,
chi amarti doveva,tanta amarezza,
una carezza mai hai ricevuto,
neanche quando in grembo i suoi figli hai tenuto.
colpa di un cordone ombelicale mai staccato,
da un malato amor materno che ha solo rovinato.
E cosi mi è stata rapita una madre ancora in vita.
Il tuo viso dagli anni sfiorato,
nella paura abbandonato,
da grandi mani schiaffeggiato,
non è mai cambiato,
i tuoi occhi diventan lucenti,
quando inizi a scorger in me i tuoi lineamenti,
ma la tua mano non fa una carezza,
a questa figlia che vuol tenerezza,
la tua mente forse in me vede,
la donna che a far alzar grandi sempre provvede.
E cosi mi è stato rubato
l' amore materno che mi avrebbe donato.
Il tuo viso mai avrei pensato,
che un giorno fosse bussato,
una forza in te innaturale,
ho visto,mentre ti consumava il brutto male,
non scompar l' immagine dai miei occhi,
di quelle gambe pieni di solchi..
I tuoi occhi pieni di paura,
guardarli una vera tortura.
quel ti voglio bene finalmente arrivato,
ma un prezzo troppo alto pagato.
L' ultima stretta di mano in ospedale,
e cosi ha vinto il brutto male.
E cosi si è spenta una vita,
che è sempre stata in salita.
Il tuo viso sono qui a pensare,
mentre il soffitto continuo ad osservare,
la tua voce continuo a sentire,

Torna alla prima pagina 1/3 Pagina seguente



Menu

Home Page
Iscriviti come autore
Scrivi il tuo testo
Forum
Cerca


Pubblicità

Su di noi

Strumenti

Help

© 2001-2018 - Layout, grafica e contenuti sono protetti da diritto d'autore
Vietata la riproduzione - PI:02102630205 Hosting www.dominiando.it